Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Papa Francesco: Veglia Pasquale, “la speranza cristiana non è semplice ottimismo”

“La speranza cristiana non è semplice ottimismo, e nemmeno un atteggiamento psicologico o un buon invito a farsi coraggio. La speranza cristiana è un dono che Dio ci fa, se usciamo da noi stessi e ci apriamo a Lui”. Lo ha ricordato Papa Francesco nell’omelia della Veglia Pasquale, presieduta nella Basilica Vaticana. La speranza cristiana, ha aggiunto il Pontefice, “non delude perché lo Spirito Santo è stato effuso nei nostri cuori. Il Consolatore non fa apparire tutto bello, non elimina il male con la bacchetta magica, ma infonde la vera forza della vita, che non è l’assenza di problemi, ma la certezza di essere amati e perdonati sempre da Cristo, che per noi ha vinto il peccato, la morte e la paura. Oggi è la festa della nostra speranza, la celebrazione di questa certezza: niente e nessuno potranno mai separarci dal suo amore”. Al riguardo, Francesco ha puntualizzato che “il Signore è vivo e vuole essere cercato tra i vivi. Dopo averlo incontrato, ciascuno viene inviato da Lui a portare l’annuncio di Pasqua, a suscitare e risuscitare la speranza nei cuori appesantiti dalla tristezza, in chi fatica a trovare la luce della vita. Ce n’è tanto bisogno oggi”. Per il Papa “dimentichi di noi stessi, come servi gioiosi della speranza, siamo chiamati ad annunciare il Risorto con la vita e mediante l’amore; altrimenti saremmo una struttura internazionale con un grande numero di adepti e delle buone regole, ma incapace di donare la speranza di cui il mondo è assetato”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa