Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Papa Francesco: Veglia Pasquale, “la mancanza di speranza” è “la prima pietra da far rotolare via”

“La mancanza di speranza che ci chiude in noi stessi”: è questa “la prima pietra da far rotolare via questa notte”. Lo ha detto Papa Francesco nell’omelia della Veglia Pasquale, presieduta nella Basilica Vaticana. Commentando il racconto della Risurrezione del Vangelo di Luca, il Pontefice ha spiegato che “anche noi, come Pietro e le donne, non possiamo trovare la vita restando tristi e senza speranza e rimanendo imprigionati in noi stessi. Ma apriamo al Signore i nostri sepolcri sigillati, perché Gesù entri e dia vita; portiamo a Lui le pietre dei rancori e i macigni del passato, i pesanti massi delle debolezze e delle cadute. Egli desidera venire e prenderci per mano, per trarci fuori dall’angoscia”. Ed ha auspicato: “Che il Signore ci liberi” dalla “terribile trappola” di “essere cristiani senza speranza, che vivono come se il Signore non fosse risorto e il centro della vita fossero i nostri problemi. Vediamo e vedremo continuamente dei problemi vicino a noi e dentro di noi”. I problemi, ha aggiunto Francesco, “ci saranno sempre, ma questa notte occorre illuminarli con la luce del Risorto, in certo senso ‘evangelizzarli’. Le oscurità e le paure non devono attirare lo sguardo dell’anima e prendere possesso del cuore, ma ascoltiamo la parola dell’Angelo: il Signore ‘non è qui, è risorto!’; Egli è la nostra gioia più grande, è sempre al nostro fianco e non ci deluderà mai”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa