Quotidiano

Quotidiano - Italiano

This content is available in English

Polonia: mons. Libera (diocesi di Plock), colletta per indigenti “risposta alla speranza nel cuore umano”

“La colletta del Venerdì santo è la risposta alla speranza nel cuore umano”, afferma monsignor Piotr Libera, ordinario della diocesi di Plock in Polonia nella lettera ai fedeli incoraggiando loro a “testimoniare la carità e la vicinanza con i fratelli nella fede del Medio Oriente”. Le offerte raccolte fra i fedeli partecipanti alla liturgia della Passione verranno trasmesse alla Santa Sede che finanzierà con tali fondi varie iniziative a carattere caritativo ed educativo. Secondo le ultime statistiche, l’80% dei polacchi nel 2015 ha sostenuto i più bisognosi. Mentre il 64% ha contribuito in denaro a varie iniziative di carità, il 58% ha scelto di donare ai meno abbienti beni materiali come vestiario o libri. Un polacco adulto su sei almeno una volta  durante l’anno in maniera gratuita ha effettuato una prestazione lavorativa a fini caritativi. Le statistiche confermano che negli ultimi tre anni in Polonia l’impegno a favore dei bisognosi è rimasto sostanzialmente immutato, più rilevante però che negli anni 2007-2012. È sempre in crescita, inoltre, l’impegno dei cittadini, non solo a carattere materiale, a favore delle comunità locali. Prima di Pasqua la Caritas polacca ha raccolto 451 tonnellate di generi alimentari destinati a 71mila bisognosi. Alla raccolta hanno partecipato oltre 20mila volontari dai centri parrocchiali e scuole in tutto il Paese.

© Riproduzione Riservata
Europa