Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Migranti: Mondin (Masci), “i ventotto Paesi dell’Unione europea rimangono nel loro cinico egoismo”

“Quando si parla di globalizzazione si pensa sempre a questioni commerciali, ai mercati finanziari, allo scambio di prodotti; ma ciò che ci può veramente rendere globalizzati, è cominciare a mettere in comune la nostra umanità, mescolando fortuna e sfortuna, riconoscendoci abitanti tutti di uno stesso pianeta; Papa Francesco parla della globalizzazione dell’amore”. Lo scrive Sonia Mondin, presidente del Masci (Movimento adulti scout cattolici italiani), in una riflessione pubblicata dal Copercom, per lanciare una petizione popolare al Parlamento italiano e alle Istituzioni pubbliche in difesa della vita e della dignità dei migranti. I ventotto Paesi dell’Unione europea, prosegue Mondin, “sono divisi e rimangono nel loro cinico egoismo, non accordandosi per dare una risposta al disperato grido d’aiuto di persone come noi, che fuggono da situazioni di guerra e che chiedono di entrare in Europa sperando in una prospettiva di vita diversa, al riparo delle democrazie, peraltro con numeri che sono irrisori”. Nella petizione il Masci chiede di “individuare corridoi umanitari sicuri per consentire il transito ai migranti vittime di guerre, persecuzioni, catastrofi e dittature; garantire un’accoglienza degna e rispettosa dei diritti della persona; accelerare le procedure di identificazione e definizione delle richieste di asilo, al fine di ridurre al minimo la permanenza nei centri di concentrazione dei migranti; superare, a livello europeo, i vincoli del Regolamento di Dublino; progettare e realizzare veri percorsi di integrazione; realizzare interventi politici ed economici nelle nazioni di partenza dei migranti”. L’obiettivo, precisa Mondin, “non è tanto quello di raccogliere il numero più alto possibile di firme attorno ai sei punti che abbiamo elaborato, quanto il promuovere una riflessione sui temi dell’immigrazione, dell’accoglienza, dell’integrazione, del rapporto interculturale e interreligioso”. Info: www.masci.it.

© Riproduzione Riservata
Italia