Quotidiano

Quotidiano - Italiano

This content is available in English

Emergenza profughi: Stylianides (Commissione Ue), “agire subito”. Fondi per assistenza, 700 milioni in tre anni

Bruxelles, 2 marzo: Christos Stylianides, commissario agli aiuti umanitari e gestione delle crisi

(Bruxelles) “Dobbiamo agire oggi. Non domani. Sono troppe le vite umane in pericolo. Dobbiamo agire insieme, per questa emergenza umanitaria. E già da oggi dobbiamo prevenire crisi umanitarie nel futuro, dentro l’Ue e al di fuori dei nostri confini”. Il commissario europeo Christos Stylianides illustra le decisioni assunte oggi dal Collegio in relazione all’emergenza-migranti, che prevedono tra l’altro una nuova e specifica assistenza finanziaria ai Paesi Ue più esposti agli arrivi di migranti. Si tratta di 700 milioni di euro in tre anni – 300 quest’anno, “disponibili immediatamente”, 200 nel 2017 e altrettanti nel 2018 – da gestire con gli Stati interessati e con i partner che agiscono in loco per l’accoglienza dei migranti. Stylianides spiega che i fondi, per lo più indirizzati alla Grecia e ai Balcani, serviranno “per fornire cibo, acqua, cure sanitarie, un riparo a chi arriva in Europa” fuggendo da guerra e povertà. Riprende: “Ci può essere solo una risposta europea” alla crisi umanitaria, ma al contempo ricorda gli altri punti della strategia comunitaria: ossia hotspot e riconoscimento migranti, rimpatrio dei migranti che non hanno diritto all’asilo, ricollocamento profughi all’interno dell’Ue.

© Riproduzione Riservata
Europa