Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Diocesi: Spoleto, mons. Boccardo alle Forze Armate “coerenza, fedeltà e coraggio sono i valori su cui edificare l’esistenza”

E’ stato celebrato oggi a Spoleto il Giubileo delle Forze Armate. Lo si apprende da un comunicato stampa diffuso dalla diocesi. Le istituzioni militari e paramilitari si sono ritrovate presso la chiesa di S. Filippo per la liturgia penitenziale presieduta dall’arcivescovo di Spoleto-Norcia monsignor Renato Boccardo. Al suo fianco, don Paolo Peciola, assistente spirituale della Caserma “Garibaldi”, che ha curato l’organizzazione della giornata, don Jozef Gercàk, cappellano dell’Istituto per Sovrintendenti P.S. “R. Lanari”, don Paolo Medaglini, assistente spirituale dei Carabinieri e dei Granatieri dell’Umbria. la processione si è diretta verso la basilica cattedrale per il passaggio attraverso la Porta Santa e la partecipazione alla messa. Nell’omelia, si legge, l’arcivescovo si è soffermato sul significato dell’Anno Santo e, in particolare, di questo dedicato alla misericordia. “Nella vita cristiana non c’è nulla di magico, non c’è nulla di automatico – ha ricordato -. Da una parte c’è la volontà di Dio di donarci la sua amicizia, la sua vita, la sua grazia; dall’altra, ci deve essere la volontà nostra di accogliere il dono che ci viene offerto. La vita cristiana è qualche cosa che abita dentro e che, da dentro, illumina e orienta i pensieri, le parole e le azioni. Ciò dipende soltanto da noi. La coerenza, la fedeltà, il coraggio: sono quei valori che costituiscono il terreno propizio, il terreno favorevole sul quale edificare un’esistenza che non perda di vista qual è il bene”. Al termine della celebrazione, sono state consegnate a tutti le immaginette del volto misericordioso del Padre (quello benedicente del Solsterno posto sulla facciata della Cattedrale di Spoleto), scelto come immagine simbolo del Giubileo della Chiesa spoletana-nursina.

© Riproduzione Riservata
Territori