Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Giubileo: “La Porta Aperta” (“Avvenire”), nella diocesi di Pisa una casa di accoglienza per i detenuti

Nascerà a Sant’Andrea a Lama, nel comune di Calci, una casa di accoglienza per detenuti in permesso premio o ex detenuti che, usciti dal carcere, non hanno ancora un tetto sotto cui dormire e un lavoro grazie al quale possano mantenersi. È una delle esperienze che viene raccontata nell’ultimo numero de “La Porta Aperta”, il supplemento mensile di “Avvenire” per il Giubileo, in uscita domani. Opera-segno della Chiesa pisana nell’anno del Giubileo della misericordia, la struttura sarà resa disponibile grazie alla ristrutturazione di una canonica e verrà intitolata a monsignor Alessandro Plotti, per 22 anni arcivescovo della diocesi di Pisa. I costi di ristrutturazione e di gestione, si legge, sono stimati in 200mila euro, finanziati grazie all’8xmille destinato alla Chiesa cattolica e alle offerte che la diocesi raccoglierà in occasione di particolari iniziative dell’Anno Santo. La casa di Sant’Andrea a Lama, ha commentato l’arcivescovo Giovanni Paolo Benotto in occasione del solenne rito di apertura della Porta Santa della Cattedrale di Pisa, sarà il segno di una “Chiesa attenta ai fratelli, capace di mostrare il volto misericordioso di Dio”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa