Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Società: Bologna, domani intitolazione piazza al sociologo Achille Ardigò

Una piazza intitolata al sociologo Achille Ardigò. Si terrà domani, 1 marzo, a Bologna (ore 12.30) la cerimonia d’intitolazione al sociologo della piazzetta antistante la chiesa di San Donato, in via Zamboni. Sarà presente l’arcivescovo, monsignor Matteo Maria Zuppi. Achille Ardigò (1921-2008) è stato giornalista, sociologo e politico, “figura – ricorda oggi la diocesi – di alto profilo istituzionale e culturale, studioso dei diritti sociali dei piccoli gruppi contrapposti ai ‘poteri forti’”. Trasferitosi a Bologna in giovane età, fu attivista dell’Azione cattolica fin dagli anni Trenta, entrando poi nella Federazione universitaria cattolica italiana (Fuci). Laureatosi in Lettere e Filosofia nel 1942, fece il praticantato ne “L’Avvenire d’Italia”, diventando giornalista professionista. Fu a fianco di Dossetti dapprima nella rivista “Cronache Sociali”, poi a Roma nella “comunità del Porcellino”, come consigliere nazionale della Dc quando Dossetti era vicesegretario nazionale. Rientrò a Bologna nel 1955, anche per preparare il programma elettorale in vista delle elezioni amministrative del 1956 – ancora una volta a fianco di Dossetti – e collaborò alla stesura del “Libro bianco” sul decentramento urbano a Bologna. Caposcuola della sociologia italiana d’ispirazione cattolica , riprendendo la tradizione di Giuseppe Toniolo e Luigi Sturzo, negli anni Sessanta fu tra i fondatori della Facoltà di Scienze politiche a Bologna, della quale fu preside dal 1970 al 1972 e dove insegnò a lungo sociologia.

© Riproduzione Riservata
Territori