Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Diocesi: mons. Maniago (Castellaneta), “ci sta a cuore che il valore della cura della salute di ogni persona”

“Ci sta a cuore che il valore della cura della salute di ogni persona, alto servizio alla vita, conservi il suo primato rispetto alle pur necessarie considerazioni di ordine economico”. Lo scrive in una nota il vescovo di Castellaneta, monsignor Claudio Maniago, in merito al coinvolgimento dell’Ospedale di Castellaneta nel progetto di riordino della sanità pugliese. “Siamo ben consapevoli – prosegue il presule – che cercare di migliorare e di rendere maggiormente efficiente l’offerta di cure da parte del sistema sanitario pubblico rappresenti un impegno doveroso e significativo”. Tuttavia, “va evidenziato che tale obiettivo non può essere raggiunto senza una mirata distribuzione delle strutture sul territorio che faciliti una effettiva raggiungibilità delle stesse e, quindi, garantisca una autentica prossimità alla persona ammalata”. Pertanto, “va tenuta in debita considerazione l’oggettiva collocazione geografica del nosocomio castellanetano: infatti, questo territorio notevolmente ampio – con gli oltre 140mila abitanti (senza contare i numerosissimi turisti presenti durante la stagione estiva) – trova nell’Ospedale di Castellaneta il suo primo e unico punto di riferimento nel versante occidentale della provincia di Taranto”. Il vescovo ricorda che “la storia recente ha già visto la chiusura degli ospedali di Massafra e di Mottola per cui questo intervento rischia di infliggere un’ulteriore ferita ad un territorio che già sconta amaramente la mancata integrazione tra ambiente, lavoro e salute”. Di qui l’auspicio che “si faccia in modo che a Castellaneta i cittadini possano trovare un ospedale ulteriormente valorizzato per la ricchezza delle competenze professionali degli operatori, per la pluralità dell’offerta di cure nonché il segno tangibile di una presenza autorevole delle istituzioni”.

© Riproduzione Riservata
Territori