Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Media Vaticani: mons. Viganò (prefetto), “si procede verso un’integrazione e gestione unitaria”

Procedere verso “un’integrazione e gestione unitaria” dei media vaticani. È questo l’obiettivo del “cambiamento richiesto da Papa Francesco per la comunicazione in Vaticano, con la creazione di un nuovo Dicastero, la Segreteria per la comunicazione”. Ne ha parlato oggi monsignor Dario Edoardo Viganò, prefetto della nuova istituzione, intervenendo al convegno “Fare Insieme. Sviluppo Istruzione Lavoro”, che precede il Giubileo dell’Industria di sabato 27 febbraio, quando 7mila imprenditori saranno ricevuti in udienza da Papa Francesco. “La nostra sfida – ha spiegato Viganò – è proprio quella di ‘fare assieme’, un programma in cui ognuno abbia il proprio ruolo, apporti la propria competenza e prenda dagli altri, creando un tessuto dinamico e coeso per poter rispondere al ‘ripensamento del sistema comunicativo’”. Il prefetto del Dicastero ha indicato alcuni elementi chiave della riforma: “Il personale non si può licenziare; non ci possono essere nuove assunzioni (questo implica quindi che il personale esistente venga valorizzato, rinvigorito, con una strategia di formazione, redistribuzione e con dinamiche lavorative che creino nuove sinergie per i nuovi risultati); l’accorpamento istituzionale deve produrre un sistema comunicativo nuovo che risponda a quello attuale”. Quello che si vuole fare, ha aggiunto Viganò, non è creare “una nuova testata giornalistica internazionale concorrente con le altre, ma un sistema comunicativo, per meglio adempiere alla missione della Chiesa”. Per realizzare ciò, “abbiamo disegnato e cerchiamo di portare avanti, secondo i più rigorosi studi di new management, un nuovo flusso di comunicazione interna, basato su uno schema di organizzazione che rispetta lo schema canonico della Chiesa e rispecchia il rinnovamento sinodale che Papa Francesco desidera rafforzare nella Chiesa universale”. Anche perché, ha concluso, “sono convinto che per arrivare ad avere un nuovo sistema comunicativo, ripensato per rispondere meglio alle esigenze della missione della Chiesa, sia necessario un mutamento dei processi comunicativi interni, che producano un vero e profondo cambiamento istituzionale. Solo questa trasformazione istituzionale, risultante non solo dall’accorpamento delle istituzioni ma da una diversa concezione del servizio comunicativo, potrà veramente offrire un servizio di comunicazione nuovo, per la missione della Chiesa nella cultura contemporanea”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa