Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Ricerca Censis-Aima: oltre 11 miliardi di euro i costi per assistenza ai malati di Alzheimer

Dalla terza ricerca realizzata dal Censis con l’Aima (Associazione italiana malattia di Alzheimer) e presentata oggi a Roma, emerge che i costi diretti dell’assistenza in Italia ammontano a oltre 11 miliardi di euro, di cui il 73% a carico delle famiglie. Il costo medio annuo per paziente supera i 70mila euro, comprensivo dei costi a carico del Servizio sanitario nazionale, di quelli che ricadono direttamente sulle famiglie e dei costi indiretti (gli oneri di assistenza che pesano sui caregiver, i mancati redditi da lavoro dei pazienti, ecc.). E’ diminuito il ricorso a tutti i servizi per l’assistenza e la cura dei malati di Alzheimer: centri diurni (dal 24,9% al 12,5% dei malati), ricoveri in ospedale o in strutture riabilitative e assistenziali (dal 20,9% al 16,6%), assistenza domiciliare integrata e socio-assistenziale (dal 18,5% all’attuale 11,2%). Ampio è invece il ricorso all’assistenza informale privata: sono il 38% i malati che possono contare su una badante, cui si fa ricorso principalmente utilizzando il denaro del malato (58,1%). Rispetto al passato emerge il peso inferiore delle risorse del malato (nel 2006 rappresentavano l’82,3% delle risorse destinate alle badanti), che appaiono bilanciate da un più ampio ricorso all’indennità di accompagnamento e al denaro dei figli o del coniuge. L’Adi (Alzheimer’s disease international) ha stimato a livello mondiale per il 2015 oltre 9,9 milioni di nuovi casi di demenza all’anno, cioè un nuovo caso ogni 3,2 secondi.

© Riproduzione Riservata
Italia