Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Stepchild adoption: Centro studi Livatino, “sorpresa” per la posizione dell’Avvocatura dello Stato

“Sorpresa per la posizione espressa dall’Avvocatura generale dello Stato, nel giudizio davanti alla Corte costituzionale di mercoledì prossimo, che avrà per oggetto la stepchild adoption”. La esprime il Centro studi Livatino, che nei giorni scorsi ha raccolto 600 firme di giuristi in calce a un appello critico verso il ddl Cirinnà. Il caso è quello di due donne conviventi, ciascuna delle quali ha un proprio figlio, che in Oregon (Usa) sono state reciprocamente riconosciute madri adottive dell’altro figlio. Il Tribunale per i minori di Bologna, città nella quale le due donne si sono trasferite, al quale era stato richiesto di riconoscere l’adozione “incrociata” anche in Italia, ha mandato gli atti alla Consulta, ritenendo che la legge italiana non consenta tale possibilità. E l’Avvocatura dello Stato ha chiesto alla Corte l’inammissibilità del ricorso sostenendo che già adesso la stepchild adoption sarebbe riconosciuta dall’ordinamento italiano; tale possibilità, secondo la stessa Avvocatura, non sarebbe contraria “ai principi del diritto di famiglia e del minore”, mentre costituirebbe un “diffuso pregiudizio sociale sull’argomento” che l’equilibrio del bambino non sia garantito da una coppia omogenitoriale. Secondo quanto riporta oggi “La Repubblica”, l’Avvocatura sostiene che “non avrebbe alcun fondamento logico e giuridico escludere l’ adozione nel caso di convivenza tra persone dello stesso sesso” per la stessa ragione per cui sono state riconosciute all’ estero, cioè “la preminenza dell’ interesse del minore”. Da qui la sorpresa del Centro studi Livatino, per il quale “l’Avvocatura dello Stato esprime valutazioni metagiuridiche che non le competono” e “fonda la sua valutazione sulle due sentenze del Tribunale per i minori di Roma, attualmente minoritarie e contraddette dall’orientamento prevalente nella Cassazione”. Inoltre, lamenta il Centro studi, la posizione dell’Avvocatura, “che è formalmente quella del Governo – visto che le indicazioni politiche le provengono dalla Presidenza del Consiglio -, avviene su mandato di un Governo che per gli emendamenti sul ddl Cirinnà, e quindi anche sulla stepchild adoption, ha sempre sostenuto di rimettersi all’Aula del Senato, e quindi di non esprimersi nel merito”. “È veramente singolare – conclude – che il Governo dica questo in Parlamento e si schieri a favore della stepchild davanti alla Consulta”.

© Riproduzione Riservata
Italia