Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Quaresima: Caritas Benevento, ogni settimana un’opera da mettere in pratica

Per essere una Chiesa misericordiosa e fraterna la Caritas diocesana di Benevento propone in Quaresima di affrontare ogni domenica, prendendo spunto dai Vangeli quaresimali, un’opera diversa, con l’impegno di concretizzarla nella settimana seguente. La prima domenica l’opera è “sopportare pazientemente le persone moleste”. “I poveri – spiega don Nicola De Blasio, vicario episcopale per la Carità dell’arcidiocesi di Benevento – sono spesso come le vedove importune del Vangelo, chiedono e chiedono con insistenza, a volte per giustizia a volte per poca cultura, a volte per solitudine. Il compito del cristiano è di non giudicare, ma vivere una condizione di fraternità con tutti, nella speranza che sia la Misericordia ad illuminare tutte le relazioni umane”. La seconda domenica l’opera è “insegnare a chi non sa”. “In tempi di crisi come questi – sostiene don De Blasio – spesso la più grande opera di carità è impegnarsi pazientemente in un servizio di formazione verso le persone disorientate e smarrite”. La terza domenica l’azione è “ammonire i peccatori”. Servono “il coraggio di ammonire chi specula sui poveri, chi approfitta delle dipendenze altrui, chi vive nell’agio come un ricco epulone senza alcuna solidarietà con Lazzaro” e “l’indignazione contro tutte le strutture di peccato che rendono le relazioni umane merci ed i beni comuni (l’acqua, l’aria, i paesaggi) beni privati, accessibili a pochi”. La quarta domenica occorre “perdonare le offese” come “segno concreto di Misericordia con i fratelli”. La quinta domenica è il momento di “consigliare i dubbiosi” essendo “vicini a chi è in cerca senza farsi avanti”. Suggerimenti anche per la Domenica delle Palme –(“pregare Dio per i vivi e per i morti”) e per la Domenica di Pasqua (“consolare gli afflitti”).

© Riproduzione Riservata
Territori