Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Ue: corpo medico europeo per rispondere più rapidamente alle emergenze

(Bruxelles) “Il corpo medico europeo istituito dalla Ue consentirà agli Stati membri e agli altri Paesi europei che partecipano al sistema di mettere a disposizione risorse ed équipe mediche da dispiegare rapidamente prima che un’emergenza sia conclamata, il che assicura una reazione più veloce e prevedibile”. Tale struttura potrà includere squadre mediche di emergenza, esperti in materia di sanità pubblica e di coordinamento sanitario, laboratori di biosicurezza mobili, aeromobili per l’evacuazione medica e squadre di supporto logistico. “Lo scopo del corpo medico europeo – ha sottolineato il commissario Ue Christos Stylianides, nel presentare l’iniziativa comunitaria – permetterà all’Unione di reagire alle crisi sanitarie molto più rapidamente e con maggiore efficienza”. “Dobbiamo trarre insegnamento dalla risposta all’Ebola – ha continuato il commissario – quando la mobilitazione delle squadre mediche è stata una delle maggiori difficoltà”. Il corpo medico europeo s’iscrive nel quadro della nuova capacità europea di reazione alle emergenze (chiamata anche “pool volontario”) del meccanismo di protezione civile dell’Unione europea. Belgio, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Lussemburgo, Germania, Spagna, Svezia e Paesi Bassi hanno già impegnato squadre e attrezzature da destinare al pool volontario.

© Riproduzione Riservata
Europa