Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Sanità: Fatebenefratelli Brescia, nuove assunzioni nonostante taglio finanziamenti

Diciotto nuove assunzioni nonostante il taglio di 650mila euro nei finanziamenti statali. A deciderle è il Fatebenefratelli di Brescia, istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs). In una nota l’ospedale rende noto che “il finanziamento dello Stato è passato da 2,3 a 1,55 milioni di euro”, anche “a seguito dall’abolizione del fondo di compensazione presso il dipartimento Ricerca del Ministero della salute”. “Non ci aspettavamo una riduzione simile – ammette il direttore generale, fra Marco Fabello – ma abbiamo deciso di far fronte al deficit utilizzando sia i fondi della ricerca corrente sia i finanziamenti dei progetti in essere, allo scopo di non abbassare gli standard”. Il Centro bresciano ha disposto infatti l’assunzione di 11 ricercatori a tempo indeterminato e di 7 ricercatori a tempo determinato: una scelta motivata, sottolinea Fabello, “dalla volontà di non spezzare le ali a giovani ricercatori che domani saranno il vanto del Paese e offriranno ai pazienti quel valore aggiunto di conoscenze e di amore per l’uomo che san Giovanni di Dio condensò nel carisma dell’ospitalità”.
Il direttore generale non nasconde le difficoltà del nosocomio, specializzato in psichiatria e psicogeriatria. “Nella macchina della sanità – afferma – la psichiatria è una Cenerentola, come lo è la ricerca; eppure, questo c’incentiva a impegnarci ulteriormente, in quanto siamo consapevoli del carattere di frontiera che ha il nostro impegno. Certo, resta forte in noi l’amarezza per lo stigma sottile, che agisce a livello politico e sociale, dove c’è sempre meno sensibilità per l’importanza delle cure che prestiamo ai malati di mente. Un ‘problema’ che si preferisce rimuovere”.

© Riproduzione Riservata
Territori