Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Brexit: Gualtieri (Parlamento Ue), “Accordo con Cameron a portata di mano”. Ma i negoziati sono in salita

Bruxelles, 16 febbraio: il premier britannico Cameron incontra la delegazione del Parlamento europeo

(Bruxelles) “Un incontro utile che ha confermato che un buon accordo è a portata di mano”. Lo ha affermato il presidente della Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo, Roberto Gualtieri, dopo l’incontro con il primo ministro britannico David Cameron. Il premier è a Bruxelles per negoziare un accordo e scongiurare la vittoria dei sì al prossimo referendum che chiederà agli inglesi se intendono lasciare o meno l’Unione. Gualtieri ha partecipato all’incontro insieme al presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, e agli altri due negoziatori del Parlamento europeo, il tedesco Elmar Brok e il belga Guy Verhofstadt. Secondo Gualtieri, “è possibile finalizzare un’intesa che garantisca e rispetti pienamente i diritti di chi, come il Regno Unito, ha deciso di non adottare la moneta unica e rilanci al tempo stesso la necessità di una maggiore integrazione dell’area euro salvaguardando il mercato unico”. Del resto “la permanenza del Regno Unito nell’Ue è un interesse strategico dei cittadini britannici e di quelli di tutta l’Unione”. Il Brexit sarà al centro del Consiglio europeo del 18 e 19 febbraio. Dopo l’incontro con Cameron, il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, s’era invece detto molto perplesso circa le possibilità di un accordo con Londra. Alle sue parole, aveva fatto eco, più o meno con il medesimo tono, il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker. I punti in discussione sono ancora molti.

© Riproduzione Riservata
Europa