Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Austria: Abbazia di Heiligenkreuz, vescovi di 20 Paesi discutono di profughi e accoglienza

Vescovi e rappresentanti della Chiesa cattolica di 20 Paesi europei e del Vicino e Medio Oriente sono riuniti nell’Abbazia di Heiligenkreuz per riflettere sulle soluzioni possibili per risolvere la crisi dei rifugiati. Il vescovo di Eisenstadt, mons. Giles Zsifkovics, ha aperto i lavori della conferenza nel pomeriggio di ieri, in quanto commissario per i rifugiati e l’integrazione della Commissione degli episcopati della Comunità europea (Comece). Il titolo dell’assemblea è “Di fronte a una crisi con molte facce” e terminerà questa sera. “Solo in un ambiente di ascolto rispettoso e aperto dialogo di scambio l’uno con l’altro, riusciremo a bloccare lo sviluppo della crisi con uno stile di umanità cristiana nei Paesi d’origine dei rifugiati, in quelli di transito e in quelli riceventi”, ha detto monsignor Zsifkovics, nel discorso d’apertura della conferenza. Tra i partecipanti spiccano il patriarca di Babilonia dei Caldei, sua beatitudine Louis Raphaël I Sako, e il vescovo caldeo di Aleppo, mons. Antoine Audo. Altri partecipanti alla conferenza sono l’arcivescovo di Budapest, il cardinale Peter Erdo, presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa (Ccee), e il cardinale Josip Bozanic, arcivescovo di Zagabria. Presente inoltre il vescovo di Piacenza-Bobbio, mons Gianni Ambrosio, vicepresidente della Comece.

© Riproduzione Riservata
Europa