Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Pensioni di reversibilità: Bottalico (Acli), “si creerebbero milioni di nuovi poveri”

“Un netto no” di fronte alla messa in discussione del futuro della pensione di reversibilità. Lo esprimono le Acli, il cui presidente, Gianni Bottalico, auspica che “si tratti solo di un incidente di percorso, un equivoco che va chiarito senza lasciare la minima ombra di dubbio”. “Perché se così non fosse – denuncia Bottalico – si proietterebbe un’altra ombra sul futuro già cupo della maggior parte delle famiglie italiane”. “Il fatto poi che tale progetto sia contenuto nel provvedimento del governo per la lotta alla povertà, ne evidenzia ulteriormente l’incongruenza. Come pensiamo – domanda – di poter efficacemente contrastare la povertà, se nel contempo si prospetta l’abolizione delle future pensioni di reversibilità? In tal modo si creerebbero milioni di nuovi poveri, soprattutto vedove, che alla morte del marito vedrebbero precipitare il loro livello di vita”. “A turbare la serenità dei futuri anziani – lamenta – già basta e avanza la riforma delle pensioni, che, come denunciato dai Giovani delle Acli, sta producendo una generazione che sarà caratterizzata da una povertà di massa delle persone anziane e da un contrasto spaventoso tra le pensioni medie che saranno ben al disotto della pensione sociale e le megapensioni dei pochi ricchi e privilegiati di oggi. Una situazione socialmente esplosiva e politicamente destabilizzante che bisognerebbe iniziare a disinnescare nel presente e non aumentarne la pericolosità”.

© Riproduzione Riservata
Italia