Quotidiano

Quotidiano - Italiano

San Leopoldo Mandić: le reliquie nella basilica di Loreto da domani al 14 febbraio

Arrivano a Loreto le reliquie di san Leopoldo Mandić (1866-1942). Dopo essere state esposte a Roma, insieme a san Pio da Pietrelcina, per volontà di Papa Francesco in occasione del Giubileo della Misericordia, le spoglie del frate cappuccino sosteranno da domani, giovedì 11 febbraio, a domenica 14 febbraio a Loreto, nel Santuario della Santa Casa. “Il suo – ricorda la delegazione pontificia di Loreto – sarà un ritorno, perché nella memoria storica del santuario si ricorda una visita di fra Leopoldo a Loreto nel 1918. Il religioso, essendo originario di un paese con il quale l’Italia era allora in guerra, era stato inviato al confino in Campania. Alla fine del conflitto tornò a Padova, visitando però i santuari che incontrava lungo il cammino. E a Loreto restò sette giorni, ospite della comunità dei Cappuccini, suoi confratelli”. “La permanenza nella nostra basilica – scrive in un messaggio per l’occasione l’arcivescovo delegato pontificio di Loreto, monsignor Giovanni Tonucci – è un regalo per tutti noi. San Leopoldo porta con sé un messaggio di mansuetudine, di grande dolcezza e di misericordia. Nella sua vita si è dedicato ad amministrare il sacramento della riconciliazione, manifestando sempre un grande senso di comprensione e di compassione, al punto che i suoi confratelli lo rimproveravano di essere troppo ‘di manica larga’. La sua risposta a questa obiezione era semplice: ‘Io guardo Gesù in croce: lui non ha neppure le maniche!’. Il suo esempio è di invito a coloro che s’impegnano nell’offrire la misericordia del Signore ad essere come lui pazienti e benevoli, sempre disposti a donare quel perdono che Dio non nega mai a noi peccatori, quando siamo pentiti dei nostri errori e delle nostre cattiverie”.

© Riproduzione Riservata
Territori