Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Confessione: Teramo, al Santuario di S. Gabriele un corso sui nuovi “peccati sociali e informatici”

Peccato e misericordia ai tempi di Papa Francesco. I peccati considerati da sempre gravi per la morale cristiana, i nuovi peccati sociali (tra i principali ci sono criminalità, corruzione, manipolazioni genetiche, esperimenti sulla persona, inquinamento ambientale, frode fiscale, sperequazioni sociali, ricchezza eccessiva), ma anche i nuovi “peccati informatici” nell’epoca dei social media. Insomma, la lista si allunga sempre di più. “Cosa deve fare chi ha inquinato o ha frodato il fisco? E i peccatori informatici potranno ottenere l’indulgenza giubilare?”. Questi i temi al centro di un corso di aggiornamento che si svolgerà dal 3 al 4 febbraio  presso il santuario di San Gabriele (Teramo), al quale parteciperanno una cinquantina di confessori, sia religiosi che sacerdoti diocesani, provenienti da varie parti d’Italia. Il corso inizierà mercoledì 3 febbraio alle ore 15.30 e sarà guidato da don Mauro Cozzoli, docente di teologia morale presso la Pontificia università Lateranense di Roma. “Anche chi naviga in internet o invia email può commettere dei peccati”, si legge nella presentazione dell’iniziativa a proposito dei nuovi “peccati informatici”, il cui elenco comprende “gli abusi di chi usa le chat-line in maniera ingannevole, di chi approfitta di Facebook, Twitter, dei vari blog o di Youtube per commettere veri e propri reati di diffamazione o di cyberstalking”. C’è anche il caso di chi crea account sotto falso nome o di chi invia “fake mail” (email anonime o con indirizzo falsificato) anche per avere un vantaggio economico (truffe bancarie via internet) e di chi naviga nei siti pornografici. Ma tra i nuovi peccati sono da annoverare anche i numerosi casi di pirateria informatica (come chi usa programmi senza licenza, o scarica illegalmente musica e filmati tramite internet) e anche gli hacker che violano la privacy e la sicurezza di un sistema informatico. Durante il convegno, che ha per tema “Il ministero della misericordia nel sacramento della penitenza”, si dibatterà anche di perdono e indulgenza, di senso del peccato e del sacramento della penitenza, con particolare riferimento al tema della misericordia.  Parteciperanno al corso anche alcuni missionari della misericordia che il Papa invierà in tutto il mondo il prossimo 10 febbraio con la facoltà di assolvere dai peccati riservati alla Sede Apostolica.

 

© Riproduzione Riservata
Territori