Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Disabilità: al Gemelli e alla Cattolica di Romani, un meeting scientifico e un concerto

La disabilità e il suo rapporto con l’arte e la musica, con la cura, con la ricerca, con la società nel segno dell’inclusione e della speranza: questi i temi al centro delle iniziative messe in opera dal Centro di Ateneo per la vita dell’Università Cattolica del Sacro Cuore in collaborazione con la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli alla vigilia della Giornata internazionale delle persone con disabilità che sarà celebrata sabato 3 dicembre in tutto il mondo. Domani si inizia con il convegno multidiciplinare “Vivere con una malattia rara disabilitante” che avrà inizio alle ore 8.30 nell’Aula Brasca del Policlinico Gemelli (Largo A. Gemelli, 8). Il convegno sarà aperto da monsignor Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Giovanni Raimondi, presidente della Fondazione Policlinico universitario “A. Gemelli”, Enrico Zampedri, direttore della Fondazione Policlinico Universitario “A. Gemelli”, e da Massimo Antonelli, direttore del Centro di Ateneo per la vita dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Seguiranno tre sessioni dedicate a “La disabilità e l’arte”, “La sostenibilità della cura” e “La ricerca: il bisogno di sperare”, alle quali parteciperanno Giulietta Cafiero, presidente dell’Associazione Italiana Delezione 22, Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto superiore di sanità, Anna Contardi, responsabile scientifico dell’Associazione italiana persone down, Francesca Pasinelli, presidente di Telethon, Andrea Cambieri, direttore sanitario della Fondazione Policlinico Universitario “A. Gemelli”.

“La giornata della disabilità passa spesso inosservata – afferma Giuseppe Zampino, responsabile della Uosa Malattie rare e difetti congeniti – abbiamo quindi pensato di dare un impulso a questo evento con una serie di iniziative culturali ed artistiche ed abbiamo voluto dedicarla alle persone con disabilità rara perché vivono con una difficoltà in più, la incertezza del loro destino legata alla poca conoscenza delle condizioni di cui sono affetti. Domani, poi, nell’auditorium dell’Università Cattolica del Sacro si terrà alle ore 17 “Prova l’Orchestra”, workshop partecipativo a metodo Esagramma per l’inclusione in organici sinfonici di persone con disabilità, con la partecipazione del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma, e alle ore 20.30 il concerto dell’Orchestra Sinfonica Esagramma, formata da bambini, ragazzi e adulti con problemi psichici mentali e disturbi specifici di apprendimento, disagio sociale e familiare. Fino al 4 dicembre nella hall del Policlinico Gemelli è allestita per l’occasione l’esposizione d’arte “Oggetti di Scarto” del maestro Mario De Luca.

© Riproduzione Riservata
Italia