Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Salute: Ospedale Bambino Gesù, il 5% dei bimbi soffre di ipertensione. Emanate le prime linee guida

L’ipertensione arteriosa colpisce circa il 5% della popolazione pediatrica; percentuale che supera il 20% se abbinata a obesità grave. Del fenomeno, in costante aumento, si è parlato al convegno promosso dall’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma,“Ipertensione arteriosa in età pediatrica: prevenzione, diagnosi e trattamento”, mentre lo scorso luglio l’European Society of Hypertension ha emanato le prime linee guida espressamente dedicate al bambino e all’adolescente. Dai dati risulta che il 5-6% di bambini e adolescenti in apparente buona salute in realtà è iperteso. Nei bambini obesi la percentuale sale fino al 22%. Nel 50-85% dei casi l’ipertensione dipende da cause secondarie renali, endocrinologiche o da malformazioni dell’aorta. Nel 15-30% dei casi, invece, non si riesce a individuare una causa (si parla di ipertensione essenziale). Per Ugo Giordano, responsabile dell’Ambulatorio per l’ipertensione arteriosa del Bambino Gesù, la diagnosi precoce è fondamentale poiché le complicanze della malattia non diagnosticata o non curata riguardano i cosiddetti “organi bersaglio”: il cuore, con l’ipertrofia del ventricolo sinistro; il rene con la perdita di proteine e l’insufficienza renale di vario grado; l’occhio con alterazione dei vasi retinici; il cervello con la vasculopatia cerebrale (ictus, emorragia cerebrale e riduzione delle funzioni cognitive). Giordano ricorda l’importanza di una corretta alimentazione in termini di assunzione di calorie e di sodio (sale e cibi salati) fin dai primi anni di vita e l’incidenza dell’obesità nell’insorgenza di questa patologia e di molte altre. Presso l’ambulatorio del Bambino Gesù ogni anno vengono effettuati circa 1500 monitoraggi delle 24 ore in pazienti affetti da patologie croniche e circa 600-700 visite ambulatoriali per screening. Per circa il 10-15% di questi bambini vengono disposti ulteriori accertamenti (ecocardiogramma, prova da sforzo, esami ematochimici, ecografia Rmn o Tac).

© Riproduzione Riservata
Italia