Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Salute: parte dal Fatebenefratelli-Isola Tiberina il servizio rapido di prenotazione in 15 farmacie di Roma

Avvicinare il paziente al medico specialista: ridurre le distanze e i tempi di attesa delle visite attraverso un servizio di prenotazione rapido, accessibile direttamente in farmacia. Con questo obiettivo, dal mese di dicembre, a Roma l’Ospedale Fatebenefratelli-Isola Tiberina, nell’ambito della rete di servizi integrati gestita da Cap (Consorzio per l’assistenza primaria), offre la possibilità ai cittadini di prenotare in 15 farmacie della città prestazioni ospedaliere diagnostiche e specialistiche in tempi ridotti e a tariffe sociali calmierate. Visite e controlli di cardiologia, dermatologia, otorinolaringoiatria, ortopedia, andrologia, ginecologia, oculistica, odontoiatria e di tutte le principali branche; esami diagnostici ecografici e radiologici; Tac e Risonanze magnetiche: queste le prestazioni dell’Ospedale prenotabili attraverso il nuovo progetto, ora in fase pilota. E questi i 15 punti vendita farmaceutici coinvolti (ma il numero è destinato ad aumentare fino a 83): Gaoni, Mediati, Strampelli, Dessi, Vaccarella, Niccolini, Quirinale, Magnanimi, Giureconsulti, Facciolà, Mannella, Ianni, Rota, De Cesaris, La Torraccia.
“Le farmacie faciliteranno l’incontro territoriale tra il Paziente e l’Ospedale”, dice Paolo Verdicchio, della direzione allo aviluppo e servizi al paziente del Fatebenefratelli all’Isola Tiberina. Un Ospedale che ha una lunga tradizione al servizio del cittadino ed è già un punto di riferimento con caratteristiche d’eccellenza per la sanità laziale e non solo; che vanta ogni anno oltre 600mila prestazioni ambulatoriali, con 1200 professionisti all’opera, per offrire ai cittadini oltre 1000 tipologie di servizi di diagnosi e cura. “Il nostro obiettivo – continua Paolo Verdicchio – è espandere la presenza della struttura sul territorio, anche attraverso partnership qualificate. E come partner privilegiato intendiamo fornire i nostri servizi nell’ambito della rete Cap”.

© Riproduzione Riservata
Territori