Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Biblioteche in tv: Bodei (filosofo), libri “costruiscono nostra identità, allargano orizzonti del presente”

“Le tecnologie stanno modificando le situazioni con effetti in parte negativi ma il libro, questo familiare parallelepipedo cartaceo sta per essere scalzato dalle biblioteche digitali on line. Il connubio tra televisione, biblioteche storiche e libri costituisce un modo efficace per avvicinarsi sia ai libri sia alle bibliteche. Un modo intelligente e innovativo per promuovere la lettura e far conoscere i tesori delle nostre biblioteche storiche, considerando che in Italia solo il 42% legge almeno un libro l’anno”. Lo ha detto il filosofo Remo Bodei, presentando oggi a Roma la serie televisiva di Tv2000 “Una Biblioteca, un Libro” sulle biblioteche storiche italiane. Bodei, al quale sarà affidata la puntata dell’8 gennaio 2017 sulla Biblioteca Riccardiana di Firenze che conserva, oltre a splendidi codici miniati, il manoscritto de “Il Principe” di Nicolò Machiavelli, ha definito quest’ultimo “il testo fondativo della scienza politica moderna” che “non deve ispirarsi ad un bene astratto ma all’utile della comunità”. “Il contatto con i libri – ha concluso – si riverbera e crea scintille e illuminazioni mentali e affettive, costruisce la nostra identità, allarga gli orizzonti del presente. I classici sono più moderni di qualsiasi autore contemporaneo”.

© Riproduzione Riservata
Italia