Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Legge contro caporalato: Coldiretti Calabria, “un bel passo avanti”

“L’approvazione definitiva della legge che istituisce il reato di caporalato è l’inizio di un nuovo percorso per l’agricoltura meridionale e calabrese: un trinomio perfetto tra dignità, solidarietà e legalità”. Ne è sicura la Coldiretti Calabria dopo che il disegno di legge è stato approvato senza nessun voto contrario, “circostanza che è utile annotare”. “Lo sfruttamento brutale dei lavoratori e l’intermediazione dei caporali – dichiara Pietro Molinaro, presidente di Coldiretti Calabria – era un aspetto vergognoso e una situazione non solo eticamente inaccettabile, ma economicamente inefficiente”. “La giustizia ora ha armi più affilate, le pene severe e i controlli rigorosi introdotti nella legislazione – prosegue – devono colpire il vero lavoro nero e lo sfruttamento, portando alla luce quelle sacche di sommerso che peraltro fanno concorrenza sleale alle imprese regolari che hanno già intrapreso un percorso di trasparenza e sulle quali finiscono per concentrarsi esclusivamente oggi le azioni di verifica. Adesso s’innesca una grande azione di responsabilizzazione di tutta filiera, dal campo alla tavola, per garantire che dietro tutti gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali, ci sia un percorso di qualità che riguarda l’ambiente, la salute e il lavoro, con una equa distribuzione del valore che non è possibile, ad esempio, se le arance nei campi sono sottopagate a 7 centesimi al chilo”. “Il rispetto della dignità dei lavoratori – sottolinea – deve valere anche per i prodotti importati che arrivano in Italia spesso sottocosto per effetto dello sfruttamento del lavoro, anche minorile, e dell’ambiente. I lavoratori, italiani e stranieri, che aiutano le nostre imprese a crescere e a stare sul mercato – conclude – sono una risorsa indispensabile. Chi sfrutta il lavoro nero fa un danno a tutti: agli agricoltori che rispettano le regole, alle comunità locali, al sistema economico territoriale”.

© Riproduzione Riservata
Italia