Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Scienza e fede: Sefir, un convegno su “memoria e previsione negli animali non umani”

“Memoria e previsione negli animali non umani”. È il tema del convegno organizzato dal gruppo Sefir (Scienza e fede sull’interpretazione del reale) nell’ambito delle “parole della scienza”, che rivolge la sua attenzione al significato e all’uso dei termini più comuni nell’ambito scientifico-tecnico.  L’appuntamento è per venerdì prossimo, 21 ottobre (ore 17.30, Pontificia Università Lateranense). Aprirà i lavori Giandomenico Boffi, dell’Università degli Studi internazionali di Roma, cui seguirà la relazione di Angusto Vitale, dell’Istituto superiore di sanità, dopo la quale inizierà i dibattito. L’etologo Augusto Vitale, nel suo intervento – anticipano i promotori dell’iniziativa – discuterà alcuni aspetti della memoria negli animali non-umani e della loro capacità nel pianificare attività future. Saranno illustrati, in particolare, alcuni comportamenti che sembrano indicare una capacità notevolmente sviluppata nel ricordare gli eventi passati da parte di uccelli e mammiferi, e i diversi tipi di memoria che sono stati individuati e studiati nell’essere umano. “Questi tipi di memoria si possono riscontrare anche in altri animali? Quanto è importante dal punto di vista evolutivo la memoria filogenetica (a breve termine ed episodica negli animali)?”, alcune delle domande a cui si cercherà di dare una risposta.  La capacità di prevedere eventi futuri sarà discussa illustrando l’uso degli strumenti nei primati non umani e discutendo diversi esperimenti compiuti con gli scimpanzé. In conclusione, saranno offerti “spunti di discussione sulle differenze tra l’essere umano e gli altri animali nel prevedere e pianificare attività future”.

 

© Riproduzione Riservata
Chiesa