Quotidiano

Quotidiano - Italiano

This content is available in English

Papa Francesco: a Santa Marta, Dio “ci aspetta per dare il perdono”

Non tutto l’amore viene da Dio, ma è Dio il “vero amore”. È il pensiero, ispirato dalla liturgia del giorno, sul quale Papa Francesco ha imperniato l’omelia della Messa del mattino celebrata nella cappella di Casa Santa Marta. Lo rende noto Radio Vaticana. Dio, ha ripetuto il Papa, ama sempre e ama per primo, non importa quanto siamo peccatori. Giovanni sottolinea una caratteristica dell’amore di Dio: ama “per primo”. Ne è una prova la scena del Vangelo della moltiplicazione dei pani, proposta dalla liturgia: Gesù guarda la folla e ne “ha compassione”, il che – puntualizza Francesco – “non è la stessa cosa che avere pena”. Perché l’amore che Gesù nutre per le persone che lo circondano “lo porta a ‘patire con’ loro, a coinvolgersi – spiega il Papa – nella vita della gente”. E questo amore di Dio, mai preceduto dall’amore dell’uomo, conta mille esempi, che Francesco cita, da Zaccheo, a Natanaele, al figliol prodigo: “Quando noi abbiamo qualcosa nel cuore e vogliamo chiedere perdono al Signore, è Lui che ci aspetta per dare il perdono. Quest’Anno della Misericordia un po’ è anche questo: che noi sappiamo che il Signore ci sta aspettando, ognuno di noi. Perché? Per abbracciarci. Niente di più. Per dire: ‘Figlio, figlia, ti amo. Ho lasciato che crocifiggessero mio Figlio per te; questo è il prezzo del mio amore’. Questo è il regalo di amore”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa