Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Giornata della memoria: Associazione 21 luglio, convegno per ricordare le persecuzioni nazifasciste contro le donne rom

Tra le vittime delle persecuzioni nazifasciste, che si ricordano il 27 gennaio di ogni anno in occasione della Giornata della Memoria, si stima vi siano tra i 500mila e 1,5 milioni di rom e sinti. Il confino, la deportazione e l’internamento di rom e sinti caratterizzarono profondamente anche il nostro Paese e riguardarono dapprima gli “zingari” stranieri che vivevano nei pressi delle frontiere italiane, in particolare in Istria. Da lì, queste persone furono deportate soprattutto nei luoghi di confino e internamento presenti in Sardegna, come quello di Perdasdefogu, così come in altre località sul territorio nazionale. Stessa sorte toccò poi agli “zingari” di nazionalità italiana. Tra di loro numerose erano le donne. Per ricordare le loro storie e quelle delle loro famiglie, la Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato e la Cild (Coalizione italiana libertà e diritti civili) in collaborazione con l’Associazione 21 luglio organizzano domani a Roma (ore 11, Sala Caduti di Nassirya – Senato della Repubblica, Piazza Madama 11) il convegno “La deportazione e l’internamento. Storie di donne rom durante il fascismo”. Introduce Luigi Manconi, presidente Commissione Diritti Umani del Senato. Coordina Carlo Stasolla, presidente Associazione 21 luglio. Intervengono: Rosa Corbelletto, Università degli Studi di Torino; Licia Porcedda, École des hautes études en sciences sociales, Parigi; Ivana Nikolic, attivista rom. Conclude Patrizio Gonnella, presidente Cild.

© Riproduzione Riservata
Italia