Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Diocesi: Siracusa, stasera veglia di preghiera per l’unità dei cristiani al santuario della Madonna delle Lacrime

Si conclude lunedì la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani (18 al 25 gennaio). L’Ufficio per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso dell’arcidiocesi di Siracusa ha promosso due appuntamenti: stasera, alle ore 19.30, in collaborazione con il Movimento dei Focolari, veglia di preghiera per la pace nella basilica santuario della Madonna delle Lacrime a Siracusa. Il tema della veglia ricalca quello del messaggio di Papa Francesco per la giornata mondiale della pace del 1° gennaio: “Vinci l’indifferenza e conquista la pace”. La veglia vedrà tra l’altro la partecipazione e la testimonianza di un imam, a testimonianza della volontà di tutti gli uomini di buona volontà e di ogni credo, di impegnarsi per un mondo più giusto in cui regni la pace. Un primo incontro ha avuto luogo invece a Floridia proprio sul tema della Settimana, un’espressione tratta dalla Prima Lettera di Pietro (cap. 2, versetto 9): “Chiamati ad annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio”. Nella chiesa madre di Floridia, su invito dell’Azione Cattolica, don Nisi Candido, direttore dell’Ufficio diocesano per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso, ha sottolineato: “L’ecumenismo mette tutti coloro i quali abbracciano Cristo sullo stesso tavolo per riscoprire ciò che unisce e non ciò che divide. L’avvio di questo modo nuovo di essere Chiesa nel mondo è proprio il Concilio Vaticano II, un concilio pastorale che sposta l’asse dalla dottrina alla relazione. Avere un atteggiamento di empatia e non di condanna. Sull’ecumenismo il Concilio dice che il primo obiettivo è promuovere l’unità dei cristiani con un atteggiamento di conversione che non può considerare gli altri nemici ma fratelli.
L’ecumenismo è un fatto di umiltà e l’umiltà è alla base del cristianesimo. Amiamo gratuitamente, allora perché siamo amati gratuitamente. Uno sguardo ecumenico dà un significato nuovo alla nostra fede”.

© Riproduzione Riservata
Territori