Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Diocesi: Firenze, da oggi visibile la replica della porta nord sul Battistero

Firenze, porta nord battistero

Sei mesi di studi, 4 anni di lavoro, 15 persone impiegate a tempo pieno, 350 ore di cesello per ognuno dei 28 pannelli, 3,5 tonnellate di bronzo, 15 di materiale refrattario, 440 kg di cera per realizzare gli stampi, 1 tonnellata di silicone per fare i calchi dei pannelli e dei fregi della cornice. Sono i numeri della replica della Porta Nord del Battistero di Firenze, alta 5 metri per 3 di larghezza come l’originale di Lorenzo Ghiberti, eseguita da maestranze in grado di realizzare, ancora oggi, opere con le stesse tecniche e maestria di 600 anni fa. La replica della Porta Nord, che andrà a sostituire l’originale sul Battistero, sarà visibile da oggi, dopo che questa mattina è stata presentata al pubblico, alla presenza del cardinale Giuseppe Betori, del sindaco di Firenze, Dario Nardella, del presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore, Franco Lucchesi, del presidente della Guild of the Dome Association, Enrico Marinelli e dei membri fondatori dell’associazione. La sostituzione della Porta Nord con una replica è parte di un progetto che ha compreso anche il restauro dell’originale, oggi visibile nel nuovo Museo dell’Opera del Duomo, eseguito dall’Opificio delle Pietre Dure e terminato a ottobre 2015. Si tratta di un progetto interamente finanziato con fondi privati messi a disposizione dall’Opera di Santa Maria del Fiore e della Guild of the Dome Association, di cui fanno parte imprenditori di tutto il mondo e di fedi diverse, con lo scopo comune di supportare i valori universali dell’arte. La sostituzione della Porta Nord si è resa necessaria per motivi di conservazione, come in precedenza lo fu per la Porta del Paradiso. La replica è stata realizzata a Firenze dalla Galleria Frilli nella Fonderia Ciglia e Carrai. Sempre stamattina, durante la presentazione al pubblico della replica della Porta Nord, il presidente Lucchesi ha annunciato che tra marzo e aprile 2016 inizierà il restauro della terza Porta del Battistero, quella Sud di Andrea Pisano, la prima in ordine di tempo (1330 – 1338). In contemporanea sarà realizzata, in collaborazione con la Guild of the Dome Association, anche una replica ad arte che andrà a sostituire l’originale sul Battistero come è stato nel 1990 per la Porta del Paradiso e oggi per la Porta Nord. L’originale della Porta Sud sarà collocato nel nuovo Museo dell’Opera accanto alle altre due nella Sala del Paradiso. Il tempo previsto per il restauro e la realizzazione della replica ad arte sono tre anni, un anno in più rispetto alla Porta Nord perché dalle prime indagini la Porta Sud appare piuttosto danneggiata dal tempo.

 

© Riproduzione Riservata
Territori