Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Unioni civili: Federazione Progetto Famiglia, in piazza il 30 gennaio per “costruire la coscienza di un popolo”

“Costruire la coscienza di un popolo”: ecco la priorità della Federazione Progetto Famiglia in stretta unione di intenti con il movimento ecclesiale Fraternità di Emmaus, di cui rappresenta il braccio culturale e caritativo, per contrastare le pericolose conseguenze dell’eventuale approvazione del ddl Cirinnà. “Le preoccupanti proposte contenute nel ddl Cirinnà, le iniziative che puntano a diffondere le teorie del Gender e varie altre azioni promosse da taluni politici e da parte delle associazioni lgbt perpetuano quella ‘colonizzazione ideologica’ denunciata da Papa Francesco, che mette ‘la famiglia sotto attacco’”: lo dice il presidente della Federazione Progetto Famiglia, Marco Giordano. “A tal proposito sentiamo che la scommessa principale è mettere in campo un’ampia e organica azione culturale – afferma don Silvio Longobardi, custode della Fraternità di Emmaus, movimento ecclesiale diffuso in molte regioni italiane e all’estero – io sono favorevole alle manifestazioni e chiederò alle famiglie e ai giovani del nostro movimento di partecipare il 30 gennaio a Roma ma nello stesso tempo ho piena consapevolezza che non da queste dipende l’esito della partita. Il nostro obiettivo non deve essere solo quello di fermare una legge ma di costruire la coscienza di un popolo”. Progetto Famiglia e Fraternità di Emmaus, insieme a Punto Famiglia, rivista nazionale di tematiche familiari, sabato 30 gennaio scenderanno in piazza a Roma. «Le manifestazioni, oltre a rafforzare la coscienza culturale di un popolo, sono una concreta occasione per annunciare la bellezza della famiglia, il valore della differenza sessuale, la dignità della vita umana e questo lo possono e lo devono fare le famiglie stesse. Siamo noi famiglie, con le nostre storie, le nostre quotidiane difficoltà, la sfida di educare al bene i nostri figli ad essere i testimoni più credibili di questa battaglia culturale”, afferma Giovanna Abbagnara, direttore della rivista Punto Famiglia.

© Riproduzione Riservata
Italia