Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Università Cattolica: “Transcrime” si aggiudica “Proton”, per prevenire e contrastare mafie e terrorismo

“Prevedere lo sviluppo delle organizzazioni criminali e terroristiche” e testare “diversi tipi di interventi di prevenzione e di contrasto”: questo l’obiettivo del progetto “Proton”. Ad aggiudicarselo è stato “Transcrime” (il Centro universitario di ricerca sulla criminalità transnazionale dell’Università Cattolica di Milano), nell’ambito del programma europeo della ricerca “Horizon 2020”, finanziato dalla Commissione europea con oltre 4,4 milioni di euro. Con la collaborazione di 22 partner, questo progetto svilupperà nei prossimi tre anni modelli computazionali che permetteranno di prevenire e contrastare mafie e terrorismo. “Horizon 2020 – ricorda Ernesto Ugo Savona, direttore di Transcrime, in una nota dell’ateneo – è il programma di ricerca applicata più prestigioso in Europa. Proton ha vinto contro 21 altre proposte provenienti da Paesi e Centri di ricerca di tutta Europa. È un successo per l’Italia, per l’Università Cattolica e per il Centro Transcrime che conferma la qualità della ricerca criminologica italiana e la sua rilevanza a livello internazionale”. Oltre all’Università Cattolica di Milano, i principali partner saranno l’Università ebraica di Gerusalemme, la Fondazione Fraunhofer (la più grande organizzazione di ricerca applicata in Europa), Ibm e il Consiglio nazionale delle ricerche. Le analisi del progetto “Proton” riguarderanno tutti e 28 gli Stati membri dell’Unione europea. Ricercatori di diversi Paesi indagheranno i fattori sociali, psicologici ed economici che portano allo sviluppo delle organizzazioni criminali e terroristiche. Per esempio, “Proton-S” potrà valutare “se e come un cambiamento dei livelli di integrazione degli stranieri o la legalizzazione delle droghe leggere influenzino lo sviluppo delle reti criminali e terroristiche”. Il consorzio svilupperà inoltre “Proton Wizard”, un software di facile utilizzo che aiuterà le autorità e i policy-maker a valutare le diverse opzioni di intervento per prevenire e contrastare mafie e terrorismo.

© Riproduzione Riservata
Italia