Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Parlamento Ue: in plenaria a Strasburgo “Sterminio di massa sistematico delle minoranze religiose per opera dell’Isis”

(Strasburgo) “Siamo sotto minaccia, la nostra sicurezza e la nostra libertà sono a rischio”. Martin Schulz, presidente dell’Europarlamento, riflette a voce alta a partire dai recenti fatti di sangue registrati a Istanbul, Giacarta e in altre città nel mondo. “L’anno 2016 si sta aprendo come s’era concluso il 2015, con attentati e vittime, come accaduto a Parigi”. Schulz aggiunge: “Non dobbiamo però lasciarci spaventare. Al contrario dobbiamo lottare sulla base dei nostri valori, dello Stato di diritto, con le forze dell’ordine. Soprattutto – aggiunge il presidente – occorre una maggiore cooperazione europea”. La sessione plenaria dell’Europarlamento che si è appena aperta a Strasburgo “inaugura – come afferma il portavoce Jaume Duch – un anno intenso, certamente interessante, a tratti complicato” per la politica europea. Lo stesso Duch parla di “una sessione politica”, cioè con numerosi temi politici all’ordine del giorno, fra i quali il dibattito interistituzionale sugli esiti del summit di dicembre (migrazioni, sicurezza, terrorismo, economia, Brexit), il rispetto delle normative europee in Polonia, gli esiti della Cop21 e l’accordo raggiuto a Parigi sull’ambiente e le emissioni inquinanti. Diversi anche gli argomenti di politica estera, dibattuti con l’Alto rappresentante Federica Mogherini: Siria, Arabia, Iran, Yemen, Turchia, Colombia. Sarà inoltre discusso il problema dei massacri delle minoranze religiose (“Sterminio di massa sistematico delle minoranze religiose per opera dell’Isis”), con ampi riferimenti alle violenze subite dai cristiani. Una risoluzione sul tema sarà votata nella sessione di febbraio.

© Riproduzione Riservata
Europa