Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Cardinale Montenegro: aperta la Porta santa a Lampedusa. “Porta aperta che accoglie chi viene da lontano”

“Parlando di misericordia, invitando i fedeli a conoscere la misericordia di Dio in questo speciale anno giubilare e sentendoci chiamati a diventare noi stessi segno di misericordia, non era possibile non pensare a Lampedusa: quest’isola è una porta aperta che accoglie chi viene da lontano. I vostri cuori sono il segno di mondo possibile, di un amore sperimentato sulla pelle e trasformato, giorno dopo giorno, emergenza dopo emergenza, in accoglienza ed esempio”. Con queste parole il card. Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, ha aperto la Porta santa presso il Santuario della Madonna di Porto Salvo, sulla più grande delle isole Pelagie. Ad aprire la processione e ad attraversare con lui la Porta giubilare, alcuni migranti giunti dalle coste africane – “la più preziosa delle presenza in questo girono così speciale” ha detto Montenegro – e suore di diversa nazionalità che hanno deciso di vivere nell’accoglienza di chi arriva da lontano la loro vocazione. “Vorrei che questo momento restasse scritto nei vostri cuori – ha detto il cardinale ai lampedusani – perché, incontrandoci, sentiamo la carezza di Dio. Sappiamo tutti come l’isola viene spesso dimenticata da chi dovrebbe amministrare la cosa pubblica. Noi siamo gli ultimi e, forse per questo, abbiamo un cuore ancora più grande per chi, nelle dinamiche del mondo, occupa l’ultimo posto. Voi subite la dimenticanza dei potenti, siete quelli che più e prima aprite i vostri cuori quasi per una sorta di sintonia, per il vostro vivere la stessa condizione e la stessa sofferenza”.

© Riproduzione Riservata
Territori