Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Burkina Faso: presidente dei vescovi, “violenza orrenda, ora unità”

“Il Mali, il Niger, la Nigeria, non sono lontani: in questo tempo siamo tutti presi di mira ed ora è stato colpito anche il Burkina Faso. Oggi facciamo memoria delle vittime e presentiamo le condoglianze alle loro famiglie, ma ringraziamo anche le forze di quei Paesi, soprattutto la Francia e gli Stati Uniti, che ci hanno aiutato a circoscrivere il problema. L’appello, per tutti, è alla vigilanza, perché l’estremismo si combatte anche così, vigilando tutti insieme”. A dichiararlo al Sir è il presidente della Conferenza episcopale del Burkina Faso e del Niger, mons. Paul Ouedraogo, all’indomani degli attacchi nella capitale Ouagadougou. “Come Chiesa – continua – facciamo appello alla calma e a non stigmatizzare nessuno, i rapporti interreligiosi sono buoni e dobbiamo continuare a coltivarli: bisogna impedire che chi vuole seminare discordia prevalga!” Di qui l’appello alla comunità islamica: “Soffrono come tutti i burkinabé e come tutti sono addolorati di quel che è successo: insieme dobbiamo quindi lottare per estirpare questa radice della violenza, orrenda e immotivata, dalla società”. Ciò di cui c’è veramente bisogno, conclude mons. Ouedraogo è anche “una vera solidarietà internazionale, per andare al fondo della questione e per non aggiungere altre sofferenze alla nostra famiglia umana”.

© Riproduzione Riservata
Mondo