Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Diocesi: Trapani, “festa dei popoli” in seminario

Una giornata di festa in seminario: a organizzarla per domenica prossima, 17 gennaio, in occasione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, è la diocesi di Trapani. La “festa dei popoli” – informano gli organizzatori in una nota – si aprirà alle ore 9, con la presentazione a cura del vescovo Pietro Maria Fragnelli. Seguirà una tavola rotonda per “fare il punto” sulla presenza dei rifugiati nel nostro territorio con gli interventi di Rita Scaringi, già responsabile dei servizi sociali del Comune di Trapani – che parlerà dei minori stranieri richiedenti asilo non accompagnati – e di Carlo Sammartano, avvocato e membro della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezionale internazionale di Trapani. Poi spazio a migranti e rifugiati che vivono nel nostro territorio: kosovari e rumeni, ma anche giovani e famiglie dell’Africa subsahariana. La mattinata si concluderà con una preghiera per la pace con testi delle tre religioni monoteistiche. Dopo il pranzo, nel pomeriggio, alle ore 16, protagonisti della giornata saranno i bambini e ragazzi dei nove centri di aggregazione della Caritas diocesana, che presentano un recital sulla cura della “casa comune” ispirato all’enciclica del Papa “Laudato si’”. Lo spettacolo è stato curato grazie alla guida degli educatori e dei volontari del Servizio Civile. Costumi e scenografie sono interamente realizzati con materiale riciclato. Contemporaneamente si terrà una mostra di manufatti artigianali creati dai bambini e dai ragazzi dei centri usando materiale di riciclo. La giornata sarà moderata da Maria Rita Pecorella, presidente cittadina del Cif, il Centro italiano femminile. La “festa dei popoli” è organizzata dagli Uffici Migrantes, Caritas, laicato, pastorale sociale e del lavoro in collaborazione con Cif e Movimento cristiano-lavoratori.

© Riproduzione Riservata
Chiesa