Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Monsignor Galantino: “il prete lo trovi subito. Il politico è difficile accostarlo”

“Il prete lo trovi subito, lo trovi vicino, è sempre disponibile. Il politico è difficile accostarlo”. Lo ha affermato ieri sera monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, intervenendo alla trasmissione “DiMartedì” su La7. “Al di là di scandali veri o presunti che ci sono stati in questi ultimi tempi e di cui ha dato conto la stampa – ha spiegato il vescovo – è tantissima la gente che cerca ancora il sacerdote”. “Ciò su cui veniamo interpellati più frequentemente – ha proseguito – è il tema delle relazioni affrante, che fanno fatica ad essere vissute in maniera piena, decorosa, sopportabile, dentro e fuori le famiglie”. Questo perché “ho l’impressione – ha evidenziato mons. Galantino – che si sta pagando un prezzo eccessivamente forte all’egoismo, ognuno pensa di dettare legge sull’altro. E questo crea delle grandi conflittualità”. Il segretario generale della Cei ha rivelato che “sempre più frequentemente la gente viene a chiedere a noi quello che dovrebbe chiedere al Governo: il lavoro, la sicurezza”. Anche se negli ultimi tempi “c’è una volontà di fare una politica diversa”, serve “gente seria, che davvero sta con la gente”. C’è necessità che i politici “riprendano ad ascoltare le persone, a incontrarle non soltanto per fare promesse fuori posto e per tenere in piedi la clientela, ma per stabilire relazioni vere, reali e sincere”. Per il segretario generale della Cei, “molte volte abbiamo gente che promette e promette, sapendo benissimo di non poter mantenere”. “Ascoltate di più le persone – ha concluso mons. Galantino rivolgendosi ai politici – e pensate che il vostro mandato è a termine, non può essere eterno”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa