Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Missioni cattoliche all’estero: “Corriere d’Italia” compie 65 anni. Giornale “fedele ai suoi lettori”

Con il numero in distribuzione in questi giorni il “Corriere d’Italia”, il mensile delle Missioni cattoliche italiane in Germania e Scandinavia, entra nel 65° anno di vita. Nato nel gennaio del 1951, con il nome “La Squilla”, il giornale – ricorda oggi il delegato delle Mci padre Tobia Bassanelli – è stato fondato da don Aldo Casadei, missionario italiano a Francoforte. La testata, scrive, ha “attraversato tante stagioni” ma è sempre “rimasta fedele ai suoi lettori, gli italiani in Germania, cercando di raccontarne la vita, di dare loro una voce e un peso pubblico, di aiutarli nel superamento dei problemi, come l’inserimento nelle realtà tedesche senza perdere il contatto con la terra di origine, lo sforzo per migliorare il successo scolastico e professionale dei figli”. L’accompagnamento delle prime generazioni, la vicinanza alle seconde e terze generazioni, la ripresa degli arrivi dall’Italia di questi ultimi anni, e tante altre esigenze, “ci fanno capire – aggiunge Bassanelli – che non è ancora giunto il momento di chiudere i battenti”. Il giornale pensa di festeggiare questo anniversario con due iniziative: una festa con i lettori e collaboratori, un premio “Quando i miei vennero in Germania”, e la pubblicazioni di un volume sulla storia delle Missioni cattoliche italiane in Germania, a cura di mons. Silvano Ridolfi, già delegato delle Mci e già direttore del giornale.

© Riproduzione Riservata
Europa