Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Diocesi: Lamezia Terme, al Museo un percorso per studenti mediante simboli iconografici

I bambini entrano nelle stanze del Museo diocesano e imparano a riconoscere i santi attraverso i simboli iconografici appresi con metodi innovativi e adatti alle loro età, dai fumetti realizzati con le tecniche del manga giapponese alle carte da gioco. A guidarli, gli studenti più grandi delle scuole superiori, protagonisti di un percorso che vuole aprire il Museo della diocesi di Lamezia Terme al territorio, facendo conoscere le sue ricchezze e divenendo sempre più punto di riferimento per le scuole, le parrocchie, le diverse realtà culturali. Questi gli obiettivi del progetto “Che santo è?”, presentato questa mattina in conferenza stampa a Lamezia. Dieci le studentesse del Liceo Campanella che hanno seguito in questi mesi un corso di iconografia sacra tenuto dal direttore del Museo diocesano Paolo Francesco Emanuele, che ha permesso loro di conoscere i tesori del museo e le modalità più semplici e innovative per raccontarle a tutte le tipologie di visitatori. I primi destinatari saranno 40 bambini della scuola primaria dell’Istituto comprensivo “Don Lorenzo Milani” che il prossimo 20 gennaio conosceranno la storia dei santi e delle loro rappresentazioni artistiche raccontata dalle studentesse del Campanella con gli strumenti del gioco e dell’animazione per imparare divertendosi. “Questa iniziativa – ha spiegato il direttore Ucs, don Roberto Tomaino – si inserisce nel percorso tracciato dalla Chiesa italiana a Firenze, in cui “l’arte è uno dei modi attraverso i quali annunciare il nuovo umanesimo ed è un pungolo che ci spinge alla solidarietà, ad aprirci alle relazioni con gli altri”.

© Riproduzione Riservata
Territori