Genitori, siete pronti a scattare per le iscrizioni dei vostri figli al nuovo anno scolastico?

Come stabilito dal ministero dell'Istruzione, ci si potrà iscrivere a partire dalle 8 del 22 gennaio fino alle ore 20 del 22 febbraio. Le iscrizioni riguardano le classi prime della scuola primaria e secondaria di I e II grado. Ma anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali (nelle Regioni che hanno aderito). Anche quest’anno le iscrizioni alla scuola superiore dovranno essere presentate attraverso una procedura online. L’adesione delle scuole paritarie al sistema delle "Iscrizioni on line" resta facoltativa anche quest’anno. Per la scuola dell’infanzia è confermata l’iscrizione cartacea (direttamente alla scuola prescelta), che potrà essere effettuata sempre dal 22 gennaio al 22 febbraio

Stiamo per entrare nella “zona rossa” delle iscrizioni al nuovo anno scolastico. Come stabilito dal ministero dell’Istruzione, infatti, ci si potrà iscrivere a partire dalle 8 del 22 gennaio fino alle ore 20 del 22 febbraio. Le iscrizioni riguardano le classi prime della scuola primaria e secondaria di I e II grado. Ma anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali (nelle Regioni che hanno aderito). Anche quest’anno le iscrizioni alla scuola superiore dovranno essere presentate attraverso una procedura online. L’adesione delle scuole paritarie al sistema delle “Iscrizioni on line” resta facoltativa anche quest’anno. Per la scuola dell’infanzia è confermata l’iscrizione cartacea (direttamente alla scuola prescelta), che potrà essere effettuata sempre dal 22 gennaio al 22 febbraio.
Naturalmente iscrivere un figlio a scuola non è solo un fatto burocratico o una procedura meccanica. Anzi, in particolare per l’iscrizione alla scuola superiore diventa un vero e proprio impegno per le famiglie e i ragazzi. Un’occasione per discutere, parlare di futuro, condividere aspirazioni e attese.

Un momento che può avere una forte valenza educativa.

Per accompagnare genitori e studenti nella scelta della scuola, il Miur ha rinnovato il portale “Scuola in chiaro” che raccoglie i profili di tutte le scuole italiane e consente la ricerca rapida degli istituti di zona in base al proprio indirizzo di residenza. Sul portale si può consultare il Piano dell’offerta formativa di ciascun istituto e il Rapporto di Autovalutazione, con informazioni preziose per la scelta delle famiglie: gli esiti degli studenti, la loro prosecuzione negli studi o nel mondo del lavoro, elementi sull’organizzazione del curricolo, l’organizzazione oraria.

Per procedere alle iscrizioni online bisogna registrarsi sul portale dedicato (www.iscrizioni.istruzione.it). Lo si potrà fare a partire dalle ore 8 del 15 gennaio 2016. Sulla pagina web dedicata – assicura il Miur – saranno resi disponibili specifici materiali informativi: video tutorial, brochure, Faq. Il sistema avviserà le famiglie in tempo reale, via posta elettronica, dell’avvenuta registrazione e delle variazioni di stato della domanda di iscrizione. Sarà inoltre possibile seguire l’iter della domanda attraverso una App dedicata.

Possono essere iscritti alle scuole dell’infanzia i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 31 dicembre 2016, che hanno la precedenza. Possono essere iscritti i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 30 aprile 2017. Alla Scuola primaria si iscrivono in prima i bambini che compiono 6 anni di età entro il 31 dicembre 2016; si possono iscrivere anche i bambini che compiono 6 anni dopo il 31 dicembre 2016 e comunque entro il 30 aprile 2017. I genitori, all’atto dell’iscrizione on line, possono indicare, in subordine rispetto all’istituto scolastico di prima scelta, fino a un massimo di altri 2 istituti di proprio gradimento. Per la secondaria di I grado all’atto dell’iscrizione, i genitori esprimono le proprie preferenze anche sull’articolazione dell’orario settimanale – 30 o 36 ore elevabili fino a 40 (tempo prolungato) – in presenza di servizi e strutture idonee. Oltre alla scuola scelta possono indicare altri due istituti graditi. Anche per le Superiori la domanda di iscrizione alla prima viene presentata a una sola scuola e permette di indicare, in subordine, fino a un massimo di altri due istituti.
Sul portale del ministero ci sono poi informazioni dettagliate sulle iscrizioni di alunni con disabilità, con disturbi specifici di apprendimento e con cittadinanza non italiana (si può fare domanda di iscrizione online anche per quelli sprovvisti di codice fiscale, grazie a un “codice provvisorio” proposto dal sistema).

Tra gli adempimenti da compiere all’atto dell’iscrizione c’è quello, importante, che riguarda la scelta per l’Irc: viene effettuata dai genitori o dagli studenti (per la scuola superiore) mediante la compilazione dell’apposita sezione online.

La scelta ha valore per l’intero corso di studi e, comunque, in tutti i casi in cui sia prevista l’iscrizione d’ufficio. Si può modificare la scelta per l’anno successivo entro il termine delle iscrizioni esclusivamente su iniziativa degli interessati.

Altri articoli in Italia

Italia